Come TikTok ha cambiato l’universo social

da | 24 Ott 23 | Papers!

Con la nascita di Facebook e Twitter, è nato un processo di storytelling sociale digitale che negli anni si è evoluto sempre di più. Il motivo principale della sua crescita è legato alle evoluzioni tecnologiche e mediatiche di cui l’ultimo decennio è stato testimone.

Agli inizi dell’Era Social, la narrazione multimediale avveniva attraverso l’utilizzo di sole parole o frasi brevi per rispondere al bisogno comunicativo di aggiornare gli amici sul proprio stato d’animo e condividere riflessioni o avvenimenti accaduti durante il giorno.
Successivamente diffuse il rivoluzionario Instagram, il primo social a sfruttare le tecnologie delle telecamere sugli smartphone, con l’obiettivo di postare aggiornamenti attraverso immagini.
Snapchat poi è stato il punto di svolta nella creazione dei contenuti: oltre a essere prima applicazione che sfruttava brevi video, è stato capostipite del concetto di contenuti effimeri. Si parla di materiale con vita breve, ovvero disponibile solo per un massimo di 24 ore, e con l’obiettivo di riportare nei canali social la vita quotidiana in real time. Infine è arrivato TikTok. Questa piattaforma di entertainment ha permesso agli utenti di creare in maniera smart contenuti con effetti speciali, sonorità e temi di diverso genere (dagli scherzi, alle acrobazie, tutorial, tips, danza e molto altro). Rivoluzionaria è anche l’assenza di un homepage: l’applicazione immerge direttamente l’utente nel flusso di contenuti, senza costringerlo a una ricerca personale.

TikTok – Date da ricordare

  • 2016: Nasce TikTok seguito dell’acquisizione di musica.ly da parte di ByteDance;
  • 2017: Dalla Cina, TikTok approda nei maggiori mercati fuori dal continente orientale;
  • 2022: L’app supera i 3 miliardi di download. Il social network conta più di 1 miliardo di utenti attivi.

La pandemia mondiale ha accelerato l’espansione di questo social, quando la Generazione Z (principale target della piattaforma) ha iniziato a utilizzarlo in maniera massiva, aumentando il numero dei suoi contenuti.

Il punto di forza della piattaforma è la semplicità del video editing, che permette a chiunque di diventare un content creator con il semplice utilizzo dello smartphone.

Il successo che ne è scaturito ha influenzato anche il mondo della musica, grazie alle challenge e a video virali. Il suono quindi si può considerare il centro dell’identità di TikTok, in quanto gli utenti possono caricare brani originali, scegliere canzoni nella raccolta della piattaforma e visualizzare tutti i contenuti creati con lo stesso audio. La varietà di musica che si può trovare è infinita: da quelli originali, a remix, cover, nuovi o vecchi successi.

I numeri di TikTok

  • tempo di utilizzo medio è di 75 minuti;
  • apertura media dell’app in un giorno è di 14 volte;
  • le riproduzioni dei video sulla piattaforma sono più di 1 milione di volte;
  • il 70% degli adolescenti utilizza TikTok;
  • il 37% degli utenti scopre prodotti nuovi sulla piattaforma e corre a cercarli online;
  • in Italia sono 9,8 milioni gli utenti attivi;

Come TikTok ha cambiato il mondo del social media marketing?

Dal lancio nel 2016, TikTok ha avuto un’esposizione mediatica superiore agli altri social, con una potenza in continua crescita. L’applicazione e i suoi metodi di fruizione sono stati talmente innovativi e influenti da costringere gli altri social media a modificarsi sulla base di questa piattaforma.

Tale aspetto ha portato a una sovranità del contenuto, portando le aziende a trovare una soluzione per trasformare le informazioni in contenuti di intrattenimento, con un relativo potenziale di viralizzazione.

Inoltre, TikTok ha anche un valore didattico: all’inizio della pandemia, gli educatori hanno utilizzato la piattaforma per impartire lezioni brevi e discutere concetti in modo creativo e divertente.

L’uso di TikTok come canale di marketing continua a evidenziare la necessità per i brand di evitare potenziali insidie etiche. Per questo motivo, i marchi devono essere cauti quando si tratta di studiare campagne ADV, per evitare di intaccare la reputation con contenuti offensivi, soprattutto in un canale che fa della multiculturalità e dell’inclusività il suo punto di forza.

Per aggirare il problema, è fondamentale sfruttare gli influencer, dal momento che permettono alle realtà di allineare i valori dei TikToker a vision e mission aziendali. Anche questa scelta richiede una fase di studio e analisi, poiché associarsi a una figura tale ci dà l’idea di perdere il controllo del contenuto, ma in realtà lo veicola in maniera esponenziale, con ovviamente tutti i rischi del caso. Il lato positivo è che i “TikToker” hanno completamente cambiato il modo in cui le persone percepiscono il settore, creando una vera e propria connessione umana.

Questa modalità di advertising è stata rivoluzionaria: le aziende non producono più contenuto “di proprio pugno”, ma li delegano a content creator professionisti e non, scegliendoli sulla base dei loro utenti, dei loro valori e della loro tipologia di comunicazione.

Per facilitare questo tipo di collaborazioni, TikTok ha creato Creator Marketplace: una piattaforma che aiuta le aziende a trovare i content creator più adatti al loro brand e ingaggiarli in modo più diretto e semplice.

I vantaggi di fare pubblicità su TikTok

1- Costruire una brand reputation più potente e vicina all’utente;
2- Comunicare con un target smart identificato dall’algoritmo TikTok centrato sull’utente;
3- Incrementare la creazione di contenuti creativi performanti;
4- Sfruttare content creator per ottimizzare la varietà;
5- Aumentare la possibilità di viralizzazione del tuo contenuto;
6- Aumentare l’esposizione del marchio agli occhi dell’audience.
7- Aumentare e potenziare la tua audience;

Tiktok non ha soltanto cambiato gli altri social e il modo di fruizione dell’intrattenimento, ma ha anche permesso alle aziende di capire che un contenuto, un tema o un prodotto saranno più forti e di valore se lasciati “in pasto” agli utenti e ai content creator, nonostante i rischi che si possono correre, perché i vantaggi superano di gran lunga quest’insidia.

Sai quale rivista può risolvere i tuoi dubbi di business, marketing e comunicazione?

Ti incuriosisce quello che facciamo?

Con la Newsletter Ufficiale di Nida’s saprai sempre cosa bolle in pentola!

Gli ultimi articoli

Chi lavora nel marketing?

Chi lavora nel marketing?

Scopri chi lavora nel marketing. Account manager, social media manager e le altre 13 figure fondamentali nell’agenzia di marketing e comunicazione.