🇮🇹 I nostri uffici saranno chiusi il 25 e 26 aprile, e il 1° maggio, se hai bisogno di noi contatta l’assistenza 🇮🇹

Restyling brand: cambiare l’immagine per rafforzare il brand

da | Feb 25, 2017 | Progetti

Balatroni, società leader nella produzione e commercializzazione di sistemi di schermatura della luce naturale per interni ed esterni, ci ha scelti come consulenti di marketing e comunicazione. Gestire il cambiamento, affrontare il processo di crescita e rafforzare l’immagine del marchio sono stati i temi principali su cui abbiamo lavorato. Abbiamo progettato la strategia, individuato il metodo, scritto i contenuti e realizzato gli strumenti.

Il restyling del logo – come abbiamo agito

Balatroni non aveva bisogno di stravolgersi o cambiare rotta, ma semplicemente di un’attualizzazione, di una ventata di aria fresca. Per questo abbiamo optato per un restyling del logo e non per un rebranding.

Qual è, però, la differenza tra restyling e rebranding? Possiamo intendere il restyling come una rinfrescata al vecchio marchio, che non va a intaccare colori, struttura generale e valori. Serve appunto per dare un senso di progresso, di innovazione, di cambiamento aziendale. Il rebrandinginvece, viene utilizzato per trasformare il modo in cui viene percepito il brand e come si posiziona all’interno del mercato.

Per il restyling abbiamo agito seguendo i 5 principi fondamentali per la creazione di un buon logo, che deve presentarsi:

  1. Semplice e riconoscibile;
  2. Coerente con ciò che deve rappresentare;
  3. Visivamente equilibrato;
  4. Duraturo nel tempo;
  5. Funzionale.

Il nuovo logo, infatti, mantiene i colori istituzionali e l’effetto tapparella della lettera B, rendendo sempre ben riconoscibile l’essenza del vecchio marchio.
Il nuovo logo, inoltre, si presenta con la font bastoni, resa più elegante dai diversi spessori delle lettere, e con un nuovo pay-off: “Oltre la tapparella”.

In questo modo il marchio ha mantenuto la sua essenza, ma è diventato più armonico e meno dispersivo, con l’ottimizzazione degli spazi del logo, grazie all’unione degli elementi in un unico logotipo.

Il catalogo aziendale – un nuovo strumento per la brand

L’azienda aveva bisogno di uno strumento funzionale e allo stesso tempo capace di potenziare la propria brand image e brand identity.

L’obiettivo

Affermare e rafforzare la brand image dell’azienda attraverso uno strumento che riflettesse i valori del marchio, affinando l’estetica e unendola alla praticità.

La soluzione

Per affermare la propria immagine e identità di marca, abbiamo deciso, insieme a Balatroni, di creare un catalogo compatto e di facile consultazione, ideale per il trasporto e per essere sfogliato comodamente. Dopo un’attenta analisi e un’accurata ricerca, abbiamo scelto un formato tascabile e un design funzionale, ma al tempo stesso elegante.

Il progetto

Insieme al nostro cliente, abbiamo definito la foliazione e la suddivisione delle sezioni, per poi andare a redigere i testi di accompagnamento, la selezione delle immagini, la progettazione e la grafica. Abbiamo optato per una copertina dai toni scuri, per donare eleganza e sobrietà al catalogo rilegato in brossura, impreziosita dal logo Balatroni in rilievo. La carta interna è una patinata opaca di alta qualità, spessa ma facile da sfogliare, con una buona sensazione al tatto.

Il risultato

Grazie a questa azione di comunicazione, non solo è stato creato un piccolo libro di catalogazione dei prodotti e dei servizi offerti dall’azienda, ma anche uno strumento in grado di esprimere e manifestare la rappresentazione materiale dei valori in cui Balatroni crede, mettendo l’accento sulla cura del singolo cliente, sulle soluzioni di buongusto e mai invasive e sulla serietà e professionalità riservata.

 

Ti incuriosisce quello che facciamo?

Con la Newsletter Ufficiale di Nida’s saprai sempre cosa bolle in pentola!

Gli ultimi articoli

Quiet quitting

Quiet quitting

Il quiet quitting è un fenomeno che coinvolge il mondo del lavoro in cui le persone sono disposte a svolgere solo lo stretto indispensabile compatibilmente con le ore definite da contratto, rifiutando di fare straordinari, aderire a progetti extra e assumersi ulteriori responsabilità.

Disturbi del comportamento alimentare e social media

Disturbi del comportamento alimentare e social media

Qual è il rapporto tra disturbi del comportamento alimentare e social media? In questo articolo scoprirai l’enorme influenza che i social media hanno sui DCA e come alcuni siano riusciti a utilizzare queste piattaforme, per generare un canale di supporto e condivisione.

IndiceToggle Table of Content