🇮🇹 I nostri uffici saranno chiusi il 25 e 26 aprile, e il 1° maggio, se hai bisogno di noi contatta l’assistenza 🇮🇹

Tornate a fidarvi della vostra casella di posta elettronica

da | Feb 9, 2023 | Papers!

In collaborazione con Filippo Mascoli, CEO di logo Tier 1

Ve la ricordate la storia del cavallo di Troia? Il famoso poeta Virgilio la racconta per filo e per segno nel secondo libro dell’Eneide.

La leggenda narra che dopo dieci lunghi anni di guerra, gli Achei escogitarono il piano perfetto per entrare con l’inganno dentro le mura della città di Troia e uscirne da eroi. Fu il grande Ulisse a trovare l’idea che ancora oggi viene considerata il più straordinario stratagemma mai escogitato: il cavallo di Troia!

I Greci finsero di ritirare le loro truppe per fare ritorno in patria, ma questo solo dopo aver fatto costruire da Epeo e Atena un gigantesco cavallo di legno da lasciare davanti alle mura della città come dono per i Troiani. Peccato che l’interno del cavallo era pieno di intrepidi guerrieri bramosi di vendetta! I Troiani, convinti che gli Achei avessero alzato barriera bianca, accettarono il regalo dei nemici. Durante la notte, il ventre del cavallo si aprì e i Greci riuscirono a conquistare la città e a porre fine alla guerra.

Migliaia di anni dopo, il mito del cavallo di Troia rimane metaforicamente ancora attuale, ma con connotazioni differenti. Oggi più che mai possiamo associarlo agli attacchi informatici che minacciano la nostra sicurezza.

Possiamo paragonare gli antivirus, i firewall, gli antimalware e l’isolamento della rete alle alte mura della città di Troia. Mura possenti e circondate da soldati agguerriti! Ma tutta la forza del mondo non serve a nulla nel momento in cui la porta della città viene spalancata al celato nemico e il cavallo di legno viene accolto a braccia aperte.

Così succede con le e-mail che riceviamo quotidianamente: non possiamo sapere cosa contengono, ma le lasciamo entrare ugualmente nella nostra casella di posta elettronica. E sapete una cosa? Degli attacchi informatici andati a buon fine circa l’80% transita da una e-mail.

Proteggere le proprie e-mail è diventata quindi una vera priorità, ed è qui che entrano in gioco i sistemi di protezione come Sophos e ESET e FORTINET: gateway di posta sicuri, realizzati per difendere le aziende dalle minacce, dallo spam e dalle truffe diffuse tramite corrispondenza digitale! 

Si tratta di importantissimi partner con cui ogni azienda dovrebbe collaborare per mettere in totale sicurezza i dati personali e proteggere le caselle di posta elettronica dagli attacchi esterni.

E se il vostro partner non è tra questi, ecco cosa cercare in un sistema di e-mail Security:

  • Compatibilità con i principali sistemi di posta, tra cui Microsoft Office 365 e Google Apps;
  • Rilevamento antispam avanzato e a livelli multipli;
  • Blocco degli attacchi di spearphishing mirati;
  • Protezione degli utenti dalle nuove minacce del giorno zero;
  • Antispoofing per SPF;
  • Sincronizzazione automatica con Active Directory;
  • Continuità del servizio di posta elettronica, grazie allo spooling e alla casella di posta di emergenza.

Di cosa si tratta?

Protezione immediata dall’efficacia comprovata

L’inserimento di questi sistemi garantisce la protezione immediata della vostra casella di posta, intercettando tutte le e-mail sospette. Sfrutta tecniche antimalware e antiphishing all’avanguardia per rilevare le minacce più recenti. Inoltre, grazie al supporto dell’antispoofing per SPF, effettua il rilevamento degli attacchi di phishing e delle e-mail inviate dai malfattori.

Addio spam e posta indesiderata 

Altro aspetto fondamentale è il filtraggio di tutte le e-mail in entrata utilizzando una vasta gamma di metodi di rilevamento avanzati disponibili in differenti lingue. Il filtraggio basato sulla reputazione blocca più del 99% dello spam a livello di gateway; il motore antispam, invece, intercetta i restanti, inclusi i più recenti attacchi di phishing.

Continuità del servizio di posta 

Quando si verifica un problema nel server di posta o l’interruzione di un servizio cloud tutti i messaggi vengono inseriti in una coda, in attesa del ripristino del servizio del server. Quando il servizio torna a essere operativo, tutti i messaggi inseriti nella coda vengono consegnati, con la massima sicurezza e integrità. Vengono inviate notifiche automatiche, lo spooling fa in modo che non venga smarrito alcun messaggio e una casella di posta di emergenza garantisce alti livelli di produttività. 

Sicurezza semplice per Microsoft Exchange, Office 365 e Google Apps

È utile ricordare che trasferire la posta elettronica nel cloud non significa dover ridurre i livelli di sicurezza, anzi, nella maggior parte delle aziende significa aumentarlo sensibilmente. Proteggere i server o servizi di posta con questi sistemi significa poter usufruire di una protezione della posta elettronica estremamente efficace e basata su tecnologie di ultima generazione.

Non fate come i Troiani che dopo aver eretto mura e schierato difese infinite di soldati hanno fatto entrare un bel cavallo pieno di guerrieri. Proteggetevi sempre!

Ti incuriosisce quello che facciamo?

Con la Newsletter Ufficiale di Nida’s saprai sempre cosa bolle in pentola!

Gli ultimi articoli

Quiet quitting

Quiet quitting

Il quiet quitting è un fenomeno che coinvolge il mondo del lavoro in cui le persone sono disposte a svolgere solo lo stretto indispensabile compatibilmente con le ore definite da contratto, rifiutando di fare straordinari, aderire a progetti extra e assumersi ulteriori responsabilità.

Disturbi del comportamento alimentare e social media

Disturbi del comportamento alimentare e social media

Qual è il rapporto tra disturbi del comportamento alimentare e social media? In questo articolo scoprirai l’enorme influenza che i social media hanno sui DCA e come alcuni siano riusciti a utilizzare queste piattaforme, per generare un canale di supporto e condivisione.